Cerca:
Oasi della misericordia

Archivi del mese: Giugno 2018

《 Venuta la sera, gli portarono molti indemoniati ed egli scacciò gli spiriti con la parola e guarì tutti i malati, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa:“Egli ha preso le nostre infermità e si è caricato delle malattie”.》(cfr Mt 8,5-17).

Gesù prende su di sé anche le mie “infermità”. Per questo possiamo con S. Paolo affermare: “Egli, Gesù, completa nella mia carne i suoi patimenti a favore del suo corpo che è la Chiesa” … l’umanità. Gesù ci vuole suoi cooperatori nell’opera della salvezza: mistero grande!《Signore Gesù, fammi credere, comprendere, vivere, che non sono più io che vivo, ma tu vivi in me … E allora tutto acquista un senso diverso, il senso che tu dai e mi riveli attimo per attimo nell’intima relazione con te …》. Buona giornata! P. Antonio

《 Figlio mio, io sto già per essere versato in offerta ed è giunto il momento che io lasci questa vita. Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la corsa, ho conservato la fede.》(cfr 2 Timoteo 4,6-8.17-18).

Paolo testimonia che la vita è una continua lotta contro il male e contro l’ignoranza del vero Dio; ignoranza, che è causa di male …Paolo testimonia che l’esistenza terrena è una “corsa” fino all’incontro con Cristo Signore. Ma ciò che dà senso alla lotta e alla corsa è la fede!E Paolo è stato un appassionato di Gesù Cristo. Le sue lettere sono una testimonianza palpitante ancora oggi, e lo saranno sempre …《Signore Gesù, concedi anche a noi la grazia e la gioia di vivere e di concludere la nostra esistenza terrena sostenuti dalla certezza della fede che dà senso ad ogni battaglia e alla corsa e arrivare pronti all’appuntamento “faccia a faccia” con te.》.

AUGURI accompagnati dalla PREGHIERA per chi porta il nome dei due grandi apostoli Pietro e Paolo. Buona festa!P. Antonio

《 Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia》 (cfr Nt 7,21-28).

“Ascoltare” è molto di più che “sentire”. Ascoltare è “accogliere” la “parola” nella nostra mente, lasciarla risuonare nel cuore perché diventi vita mediante la pratica. Gesù ci chiede di costruire la “casa” sulla “roccia”. La “casa” è simbolo di un sistema o rete di relazioni significative. Gesù ci dice che l’autenticità, la profondità, la durata di queste relazioni dipende dalla relazione fondamentale con lui mediante la messa in pratica della sua Parola.Invece, cosa accade molto spesso? Accade che la solidità della ” casa” si vuole garantirla cercando altre “sicurezze” , a volte, anche in opposizione alla Parola di Dio, al suo Vangelo.《Signore Gesù, la nostra “casa” senza di te è a rischio, esposta ad ogni intemperia …Guida sempre il nostro cuore verso la tua Parola e donaci la grazia della ferma decisione di viverla》.Buona giornata! P. Antonio

《 In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:«Guardatevi dai falsi profeti, che vengono a voi in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci! Dai loro frutti li riconoscerete.》(cfr Mt 7,15-20).

In ogni epoca, tempo e luogo ci sono buoni e cattivi “profeti” . Come sappiamo, il “profeta” parla a nome di Dio per il bene di ogni sua creatura umana e di tutto il creato. Chi parla, agisce, legifera, amministra per il vero bene delle persone, delle comunità civili e religiose e per la tutela della natura e del cosmo è un vero profeta, altrimenti è un falso profeta al di là delle sue parole e delle sue intenzioni.Così, Gesù ci dà un criterio oggettivo per discernere i veri dai falsi profeti.《Vieni, Santo Spirito, suscita veri profeti nell’umanità di oggi perché il bene prevalga, ovunque sempre, su ogni forma di male e di limite … 》.Buona giornata! P. Antonio

《 Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge e i Profeti.》 (cfr Mt 7,6.12-14).

Queste parole di Gesù vengono definite come la “regola d’oro” per vivere rapporti profondamente umani e, quindi, autenticamente cristiani. Vuoi essere ascoltato, accolto, rispettato, stimato … Vuoi che nessuno sparli di te, non ti giudichi … Vuoi che gli altri mettano in evidenza il positivo che è in te e che operi … Vuoi ogni forma di bene per te? Comincia a farlo tu per gli altri … E il “deserto” che è in te e attorno a te comincerà a fiorire … 《Donami/ci, Santo Spirito, uno “sguardo” positivo sulle persone che ci poni accanto e quelle che incontriamo in diversi modi …》. Buona giornata! P. Antonio

《 In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:«Non giudicate, per non essere giudicati; perché con il giudizio con il quale giudicate sarete giudicati voi e con la misura con la quale misurate sarà misurato a voi.Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello, e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio? O come dirai al tuo fratello: “Lascia che tolga la pagliuzza dal tuo occhio”, mentre nel tuo occhio c’è la trave? Ipocrita! Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello».》(Mt 7,1-5).

Molto spesso chi giudica gli altri, si ritiene superiore ed ha qualcosa da nascondere a se stesso …Gesù mette in guardia chi giudica:”Con la misura con la quale misurate sarà misurato a voi”. Gesù ci dice che chi giudica il suo prossimo è un ipocrita e il suo giudizio è una sentenza di condanna di se stesso …Quanto siamo lontani dal Vangelo …!!《Gesù, volto misericordioso del Padre, insegnaci a praticare la misericordia che ha sempre la meglio su ogni giudizio …》.Buona giornata! P. Antonio

Festa di S. Giovanni Battista.

《 Diceva Giovanni sul finire della sua missione: “Io non sono quello che voi pensate! Ma ecco, viene dopo di me uno, al quale io non sono degno di slacciare i sandali”.》(cfr Atti degli Ap. 13,22-26).

Giovanni Battista è il profeta che fa da spartiacque tra l’Antica e la Nuova Alleanza. Egli è il più grande dei profeti perché proclama non la sua parola, non la sua verità, non la sua via, ma testimonia e annuncia Gesù di Nazaret: Parola di Dio fatta carne; Lui via, verità, vita.È questa la “profezia” essenziale che la Chiesa, ogni singola persona, famiglia e comunità cristiane sono chiamate ad annunciare e testimoniare all’umanità di oggi, nei nostri ambienti di vita, spesso così “distratti” o indifferenti, a volte anche ostili a Cristo e alla sua Chiesa.《Vieni, Santo Spirito, infondi in noi l’umiltà e il coraggio della profezia cristiana per contribuire a costruire un mondo più giusto, solidale, fraterno, cominciando dai nostri ambienti familiari, comunitari, lavorativi …》.

Il mio ricordo nella preghiera e i miei auguri a chi porta il nome del grande testimone, Giovanni Battista. Buona Festa! P. Antonio

《 Non preoccupatevi dunque dicendo: “Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo?”. Di tutte queste cose vanno in cerca i pagani. Il Padre vostro celeste, infatti, sa che ne avete bisogno.Cercate invece, anzitutto, il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta.Non preoccupatevi dunque del domani, perché il domani si preoccuperà di se stesso. A ciascun giorno basta la sua pena».》 (cfr Mt 6,24-34)..

Dinanzi a queste parole di Gesù, forse siamo tentati di giudicarlo un idealista, uno spiritualista fuori dalla realtà quotidiana con le due concrete esigenze nella vita delle singole persone e delle famiglie …Invece, nelle parole di Gesù c’è la sfida della vera fede!In chi riponiamo la nostra fiducia e cosa ci rende sicuri? Quali sicurezze cerchiamo? È vero, a volte si arriva al “limite” dell’umano sopportabile, ci si sente come abbandonati a se stessi e – come si dice – al proprio “destino” …Cosa fare? Gesù non si perde in ragionamenti e ci indica con chiarezza il fondamento della nostra fiducia e sicurezza. Fiducia in Dio Padre provvidente e cercare il “regno di Dio”, cioè la relazione stabile con Gesù stesso che ci dona il bene più prezioso che è la salvezza: da qui ogni altro bene necessario.Leggiamo e rileggiamo tutti i versetti del Vangelo di oggi; ci farà molto bene; sarà una bella iniezione di fiducia nella Divina Provvidenza. 《Signore Gesù, nell’esperienza di sofferenza per la precarietà e la povertà, la tua creatura geme e, a volte, grida e si ribella … Tu, ascolta, orienta il nostro cuore a te, conquistalo ancora, esaudisci … 》.Buona giornata! P. Antonio

《 In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:«Non accumulate per voi tesori sulla terra, dove tarma e ruggine consumano e dove ladri scassìnano e rubano; accumulate invece per voi tesori in cielo, dove né tarma né ruggine consumano e dove ladri non scassìnano e non rubano. Perché, dov’è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore》(cfr Mt 6,19-23).

Le guerre e i conflitti in tutti gli ambienti (cominciando dalle famiglie e parentele) e a tutti i livelli, sono causati non certo dall’impegno per la solidarietà, ma dal desiderio e dalla brama di possedere, a volte fino all’ossessione di accumulare.Eppure, lasciamo tutto su questa terra!! Osservazione evidentissima, ma puntualmente ignorata! Pertanto, le lotte continuano … E con le lotte, l’infelicità’ e il “vuoto” che nessun “tesoro” terreno può colmare … Interroghiamoci: Dov’è il nostro cuore? Non temiamo di rispondere con verità. Potrà essere l’inizio – o, ancora, un nuovo inizio …. – di una vita nuova, piena di senso …《Vieni, Santo Spirito, donami la saggezza del cuore per saper usare dei beni della terra per vivere con la dignità di figlio di Dio e condividere con chi vive nel bisogno …》Buona giornata! P. Antonio

《 In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:«Pregando, non sprecate parole come i pagani: essi credono di venire ascoltati a forza di parole. Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno prima ancora che gliele chiediate.Voi dunque pregate così:Padre nostro che sei nei cieli …》(cfr Mt 6,7-15).

Come sempre, Gesù ci educa all’essenziale e alla semplicità, anche nella relazione col Padre. Per questo ci esorta a “non sprecare parole”, ma a pregare premettendo un atteggiamento di fiducia e abbandono filiale.Pregare è prima di tutto un atto di fede/fiducia in Dio Padre che si prende cura dei suoi figli, anche quando la nostra percezione non è tale …La nostra preghiera inizia sempre con questo atto/atteggiamento di fede/fiducia/abbandono?Oggi, preghiamo così, affidandoci con la preghiera del Padre nostro, riflettendo sulle parole che pronunciamo, lasciandoci interrogare e, semmai, mettere in crisi, dalla preghiera di Gesù: 《Padre nostro che sei nei cieli … 》.Buona giornata!P. Antonio