Cerca:
Oasi della misericordia

Archivi del mese: marzo 2017

《 Dicono gli empi fra loro sragionando:  «Tendiamo insidie al giusto, che per noi è d’incomodo  e si oppone alle nostre azioni》(Sapienza 2,1a.12-22).
Ieri come oggi, chi fa il bene e segue la via di Dio viene, in diverso modo, perseguitato. Non temiamo e non stanchiamoci di seguire la via del Bene… il Signore sa e farà germogliare il bene seminato … 《Signore Gesù,  donaci il dono della perseveranza nel bene …》. Buona giornata!  P. Antonio
《 In quei giorni, il Signore disse a Mosè: «Va’, scendi, perché il tuo popolo, che hai fatto uscire dalla terra d’Egitto, si è pervertito. Non hanno tardato ad allontanarsi dalla via che io avevo loro indicato!》(cfr Esodo 32,7-14).
Il popolo dimentica molto presto il “volto” di Dio che l’ha liberato dalla dura schiavitù in Egitto.
Il popolo vuole farsi un suo “Dio” che può vedere e toccare, e si fa un vitello di metallo fuso. Forse ci meravigliamo di questo comportamento e giudichiamo l’ingratitudine e l’ infedelta’ del popolo d’Israele. Ma, sarebbe meglio riflettere sulla nostra esperienza di relazione con Dio: sulle immagini che ci siamo fatti di lui e, quindi, quale Dio seguiamo ed adoriamo…《Santo Spirito,  fa’ che io non mi costruisca e segua un Dio a mia immagine, ma scopra sempre più il vero Dio nel volto di Gesù,  il Crocifisso Risorto》. Buona giornata!  P. Antonio
《Il Padre ama il Figlio …   Come il Padre risuscita i morti e dà la vita, così anche il Figlio dà la vita a chi egli vuole. Il Padre infatti non giudica nessuno, ma ha dato ogni giudizio al Figlio, perché tutti onorino il Figlio come onorano il Padre.》 (cfr Gv 5,17-30).
Oggi fermiamo l’attenzione della mente e del cuore sulla relazione che c’è tra il Padre e il Figlio…
È una relazione reale e misteriosa: accogliamola nella semplicità della fede così come ne parla Gesù e ce la dona.
《Santo Spirito,  comunione d’amore tra il Padre e il Figlio, rendici più consapevoli e responsibili della partecipazione a questo grande mistero e alle sue conseguenze nella nostra vita, proprio perché creati e ricreati ad immagine di Dio Trinità d’Amore》.Buona giornata! P. Antonio
《 Per questo i Giudei perseguitavano Gesù, perché faceva tali cose di sabato.》 (cfr Gv5,1-16).
Ancora una volta, Gesù opera una guarigione in giorno di sabato.  Questa infedeltà al “precetto” suscita l’ ira dei Giudei. Ma, il centro dell’attenzione e dell’azione di Gesù è sempre la persona,  soprattutto quella malata e bisognosa. L’essenziale del suo messaggio sta proprio qui: la salvezza/bene di ogni persona e non l’osservazione sterile di centinaia di “precetti” e prescrizioni della Legge mosaica interpretata da scribi e farisei.
《Signore Gesù,  alla tua sequela,  fa’ che io impari e viva sempre questa suprema legge della “salvezza delle persone”, anzitutto e soprattutto…》.Buona giornata! P. Antonio
《 Così dice il Signore:  «Ecco, io creo nuovi cieli e nuova terra;  non si ricorderà più il passato,  non verrà più in mente,  poiché si godrà e si gioirà sempre  di quello che sto per creare》(cfr Isaia 65, 17-21).
Dio è perenne novità creativa che ci sorprende sempre …  In Cristo Gesù,  ogni realtà viene ricreata…
Io, tu, ogni essere umano, se ci lasciamo “fare”, “plasmare” dallo Spirito,  donatoci da Gesù,  “diventiamo” creature nuove. L’esperienza di questa nuova creazione/rigenerazione accade esistenzialmente ogni volta che poniamo un gesto di vero amore che ci fa passare dalla morte alla vita,  come afferma l’apostolo Giovanni.
《Vieni? Santo Spirito,  crea in me un cuore ed uno spirito nuovi》.Buona giornata!  P. Antonio
《 Il Signore replicò a Samuele: «Non guardare al suo aspetto né alla sua alta statura. Io l’ho scartato, perché non conta quel che vede l’uomo: infatti l’uomo vede l’apparenza, ma il Signore vede il cuore». 》(cfr 1Samuele 16,1b.4.6-7.10-13).
Nella scelta del futuro re d’Israele, il Signore indica al profeta Samuele  un criterio fondamentale: Stai attento non all’apparenza ma a ciò che è nel cuore!  Mi sembra che questo criterio sia particolarmente utile, necessario e umano nel nostro tempo e nella nostra cultura dove, molto spesso,  si dà più credito alle apparenze che non alla sostanza delle relazioni, dei comportamenti e dei fatti… È bello constatare che la Parola di Dio ci educa a relazioni autentiche: “cuore a cuore”. Quindi ci educa a non lasciarci condizionare e determinare dal fascino illusorio delle apparenze (→aspetto fisico, posizione culturale e sociale, beni materiali …).《Signore Gesù,  è consolante sapere che vedi ciò che c’è nel cuore oltre ogni limite, fragilità, peccato. Insegnami a guardare me stesso e gli altri oltre ogni apparenza e lasciarmi ispirare dalla sincerità del cuore 》. Buona domenica! P. Antonio
《Rallegrati, piena di grazia, il Signore è con te》 (cfr Lc 1,26-38).
Il motivo della gioia di Maria consiste nella presenza del Signore nella sua vita. Ella è la “piena di Dio”. E, nonostante questa pienezza di grazia la sua vita non è stata facile…  Presenza/pienezza di Dio e gioia: c’è un rapporto di causa ed effetto, in Maria,  così in noi: è una legge di vita…《Signore Gesù,  è una certezza che tu sei con me, ma non è così certo che io sia sempre con te: aiutami a “stare” con te… 》.Buona giornata!  P. Antonio
《 Così dice il Signore:  «Torna, Israele, al Signore, tuo Dio,  poiché hai inciampato nella tua iniquità… Io li guarirò dalla loro infedeltà,  li amerò profondamente…》(cfr Osea 14,2-10).
Questo tempo di Quaresima è un tempo particolarmente prezioso per “tornare” a Dio. Le nostre giornate registrano non poche distrazioni, sollecitazioni, infedeltà … che offuscano la relazione con Dio e, di conseguenza, con gli altri.  “Tornare” a Dio inizia con l’atto di volontà di chi decide di convertirsi o riprendere un cammino di conversione che ha sempre Dio al centro e non il proprio io.《Signore Gesù,  la contemplazione delle tue piaghe,  guarisca le mie infedeltà e ferite…》. Buona giornata!  P. Antonio
P.S. Oggi giornata di preghiera e di digiuno in memoria dei missionari martiri.
《 Così dice il Signore:   «Questo ordinai loro: “Ascoltate la mia voce, e io sarò il vostro Dio e voi sarete il mio popolo; camminate sempre sulla strada che vi prescriverò, perché siate felici”.   Ma essi non ascoltarono né prestarono orecchio alla mia parola》(cfr Geremia 7,23-28).
La realtà della storia e della cronaca confermano in positivo e in negativo la verità della Parola di Dio.
Infatti, sperimentiamo pace, gioia, armonia quando ascoltiamo  ed obbediamo alla “voce” di Dio che risuona nella coscienza di ciascuno,  nella Bibbia, negli eventi ordinari e straordinari della vita… Quando mettiamo a tacere quella “voce”, sperimentiamo una “babilonia”, dentro e fuori di noi, in famiglia e nella società: una lotta continua per interessi anche di poco conto… 《Signore Gesù,  anche noi siamo un popolo di dura cervice e distratti; fa’ che ascoltiamo la tua “voce”  e coltiveremo ogni forma di bene…》.Buona giornata!  P. Antonio