Cerca:
Oasi della misericordia

Archivi del mese: aprile 2015

《Chi accoglie colui che io manderò accoglie me; chi accoglie me, accoglie colui che mi ha mandato》

(cfr Gv 13,26-20).

Gesù è presente nei suoi “inviati”, gli “apostoli” di ieri e di sempre: accoglierli è accogliere Gesù stesso e Dio Padre.

《Signore Gesù, fa’ che “apostoli” e destinatari siano consapevoli e grati dell’immenso tesoro di cui sono chiamati ad

essere custodi, annunciatori, testimoni》. Buona giornata, p. Antonio.

 

《Io sono venuto nel mondo come luce, perché chiunque crede in me non rimanga nelle tenebre》 (cfr Gv 12,44-50).

Chissà quante volte abbiamo sentito parlare dell ‘《 oscurità》 della fede … del salto nel buio della fede … Gesù,  invece, ci dice che credere in Lui è abitare nella luce.  Forse,  dovremmo parlare piuttosto del buio della ragione,  quando questa vuole fare a meno della fede o pretende di voler capire tutto o spiegare tutti i contenuti della fede.《 Signore Gesù, fa ‘ che i tuoi doni, fede e ragione,  siano sempre a servizio della verità e dell’amore》.

Buona giornata, p. Antonio.

《Le mie pecore conoscono la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono》  (cfr Gv 10,22-30).

Ascoltare … conoscere … seguire … Questi verbi ci aiutano a capire se davvero conosciamo e seguiamo Gesù, oppure

una immagine che ci siamo fatti di Lui. 《Signore Gesù, tu mi conosci, fa’ che io ascolti sempre la tua voce, ne sia

eco e ti segua …》. Buona giornata, p. Antonio.

《Io sono la porta delle pecore  .. se uno entra attraverso di me, sarà salvato;  entrerà e uscirà e troverà pascolo》

(cfr Gv 10,1-10).

Da sempre l’essere umano è affascinato e intimorito dal desiderio di esplorare,  penetrare il mistero di Dio e

dell’uomo stesso. 《Io sono la porta》, ci dice Gesù, con un’immagine fin troppo semplice!  Basterebbe entrare per

questa “porta” … e tutto sarebbe più semplice … Invece,  spesso percorriamo altre strade … bussiamo ad altre porte …

girovaghiamo … mentre quella “porta” è lì,  sempre aperta … dinanzi a noi … dentro …

《Signore Gesù, che io non faccia resistenza nel varcare quella soglia …》. Buona giornata, p. Antonio.

《Io sono il buon pastore. Il buon pastore da’ la propria vita per le pecore …》  (Gv 10,11-18).

“Pastore”  è chi si prende cura dell’altro/a anche a rischio della propria vita.  Ciò vale per tutti i discepoli di Gesù.

Oggi chiedo a tutti e a ciascuno di pregare per noi sacerdoti  e per le vocazioni sacerdotali. Questa,  come ogni vocazione, è puro dono di Dio per una missione di bene …《Santo Spirito, donaci sacerdoti secondo il cuore di Cristo Gesù: sappiano donarsi con generosità per la vera vita delle persone che incontrano; sì, sappiano essere un altro Cristo, oltre ogni loro limite, confidando sempre nella infinita Divina Misericordia, di cui sono beneficiari e ministri …》. Buona domenica, p. Antonio.

《Molti dei discepoli di Gesù,  dopo aver ascoltato,  dissero: “Questa parola è dura! Chi può ascoltarla?》

(Cfr Gv 6,60-69).

Chissà quante volte anche noi abbiamo pensato e detto: “Signore, questa parola è dura …” ! Preghiamo gli uni per gli

altri e per tanti, tanti altri ancora, perché oltre ogni nostra resistenza e dubbio, possiamo anche noi, come Pietro e con

lui, lasciar parlare il nostro cuore con fede e fiducia: 《Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi

abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio》. Buona giornata, p. Antonio.

《Come il Padre che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così colui che mangia me vivrà per me》

(cfr Gv 6,52-69).

Alla “scuola” dell’Eucaristia impariamo il senso dell’esistenza: Perché e per chi vivere?《Colui che mangia me

vivrà per me》! 《Signore Gesù,  nutrendomi di te, che io viva per te, nel dono sincero di me …》.

Buona giornata, p. Antonio.

《Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo》

(cfr Gv 6,44-51).

L’ Eucaristia è germe-fermento di vita eterna! Come è triste pensare alla partecipazione alla Messa come un

“precetto”, un obbligo!  Il vero “peccato” è non cogliere il significato profondo della celebrazione eucaristica!           《Santo Spirito, conducimi sempre più dentro il Mistero della mensa eucaristica …》. Buona giornata, p. Antonio.

《Questa è la volontà di colui che mi ha mandato: che io non perda nulla di quanto mi ha dato,  ma lo risusciti

nell’ultimo giorno》 (cfr Gv 6,35-40).

Queste parole di Gesù sono di grande luce e consolazione! Siamo stati creati non per la condanna e perdizione, ma

redenti per la salvezza e la risurrezione. Immersi nel vortice della quotidianità, spesso dimentichiamo questa chiara e

precisa volontà di Dio.  《Signore Gesù, fa ‘ che io viva come figlio/a della risurrezione,  nella pace e nella gioia,

pur tra i sentieri, a volte oscuri, dell’esistenza …》. Buona giornata, p. Antonio.

《Non è Mosè che vi ha dato il pane del cielo, ma è il Padre mio che vi da’ il pane del cielo, quello vero》

(cfr Gv 6,30-35).

I fatti e le parole dell’Antico Testamento preparano la rivelazione di Dio nel Nuovo Testamento.  La manna,  con cui

Dio ha nutrito il popolo nel deserto,  era segno del Figlio di Dio, “pane della vita”, “Eucaristia”.

Che rapporto abbiamo con l’Eucaristia?  Cosa o chi è per me? … Sostiamo, anche mentalmente,  dinanzi a quella

ostia bianca e ripetiamoci con calma: 《Gesù, tu sei il pane della vita, della mia vita!》. Buona giornata, p. Antonio.